News

Le donne nella scienza

Le donne nella scienzaIl gender gap nel nostro paese continua a penalizzare non solo le donne ma anche le bambine e le ragazze. Gli stereotipi, le disuguaglianze di genere e la mancanza di opportunità educative affondano le proprie radici già dalla prima infanzia. Con la diffusione della pandemia il divario rischia di aggravarsi ulteriormente privando le bambine e le ragazze della possibilità di sviluppare talenti e competenze indispensabili per costruirsi il futuro che sognano. 

Le disuguaglianze pesano anche sui risultati nelle materie scientifiche che lasciano indietro bambine e ragazze rispetto ai loro coetanei maschi. Oggi in Italia alla fine della scuola primaria le bambine ottengono risultati in matematica mediamente inferiori di 4,5 punti rispetto ai coetanei maschi: uno svantaggio che sale a -6,1 punti al secondo anno delle superiori e a -9,8 all’ultimo anno

Tra gli studenti con alto rendimento nelle materie scientifiche, solo 1 ragazza su 8 si aspetta di lavorare come ingegnere o in professioni scientifiche, a fronte di 1 su 4 tra i maschi. Un gap che ha origine nei primi anni di scuola e che si rafforza con la scelta del liceo o della facoltà universitaria: tra i diplomati nei licei i ragazzi sono più presenti in quelli scientifici (il 26% di tutti i diplomati rispetto al 19% delle ragazze), mentre solo il 22% delle ragazze si diploma in istituti tecnici, quasi la metà rispetto ai maschi (42%).

Inoltre, solo il 16,5% delle giovani tra i 25 e i 34 anni si laureano in facoltà scientifico-tecnologiche, a fronte di una percentuale più che doppia per i maschi (37%), un dato tuttavia migliore della media europea. Un lungo percorso costellato di ostacoli che di conseguenza si riflette nel mondo del lavoro: nelle aree STEM (Scienza, Tecnologia, Ingegneria, Matematica), le giovani rappresentano il 41% dei dottori di ricerca, il 43% dei ricercatori accademici, solo il 20% dei professori ordinarie e tra i rettori italiani solo il 7% sono donne.

La classe medica

Andiamo ad analizzare più nel dettaglio la classe medica, quante sono le donne medico in Italia? Ci sono differenze tra specializzazioni? Analizziamo i dati di Atlante Sanità, il database della sanità italiana che comprende oltre 1,4 milioni di anagrafiche di professionisti della salute.

Partiamo da una specializzazione che, nell'immaginario collettivo, è tipicamente femminile: pediatria e neonatologia. In totale sono 24.566 i medici specializzati, di questi il 60% sono donne. Altra specializzazione dove vi è una maggioranza di dottoresse è quella delle scienze dell’alimentazione con l’80% di donne e il 20% di uomini.

Diverso è il caso di ginecologia e ostetricia, in cui la distribuzione per sesso non è significativa (49% donne, 51% uomini). Discorso analogo anche per l’endocrinologia e le malattie del metabolismo, il 54% è di sesso maschile e il 46% di sesso femminile.

Per quanto riguarda specializzazioni come cardiologia, la differenza è invece decisamente maggiore: le donne sono il 29% sul totale. Tuttavia, è interessante notare che tra i cardiologi under 50, il 53% sono donne. Una specializzazione fortemente maschile è poi ortopedia e traumatologia, in cui le donne sono solo 12% (anche qui se consideriamo unicamente i medici under 50, la percentuale di donne sale, ma non molto, fino al 21%). Altra specializzazione con una forte prevalenza maschile è l’otorinolaringoiatria con il 71% di medici di sesso maschile e solo il 29% di sesso femminile.
 
 
Autore:

PKE Group

PKE è una società nata da DS Medigroup, costituita per gestire i data base delle professioni e la creazione di comunità profilate sulla rete Internet.
Obiettivo di PKE è accompagnare le Istituzioni e gli Enti privati nella corretta gestione dei dati e nell’approfondita conoscenza delle diverse professioni, nell’analisi delle competenze specifiche di ciascuna disciplina, nelle valutazioni dei loro fabbisogni formativi ed informativi, nella definizione strategica degli strumenti di comunicazione (informazione e formazione) e nella loro completa implementazione.

Segui PKE Group: